Rigatoni con cardoncelli e agglassato di vitello

image_pdf

Dose ricetta per 10 porzioni

Per l’agglassato

             400     g.         Muscolo di vitellone 

             80       g.         Olio extra vergine di oliva

            100       ml.       Vino bianco secco 

Per il condimento

            2          g.         Aglio 

             200     g.         Funghi Cardoncelli 

            200       g.         Cipolle bianche 

            100       g.         Carote novella di Ispica 

            80        g.         Sedano 

            2          n.         Alloro foglie 

            1          g.         Timo fresco 

            100      g.         Carote novella di Ispica 

             5         dl.        Brodo di carne 

            100       g.         Patate Novella Di Siracusa 

            200       g.         Caciocavallo Ragusano D.o.p 

 Per la finitura

             800      g.        Rigatoni  artigianali

             5         g.         Prezzemolo 

Procedimento

Per l’agglassato. Tagliare la polpa a cubetti medi e condirli con sale e pepe. In una casseruola riscaldare l’olio e rosolare la carne, aggiungere lo spicchio d’aglio intero e il rosmarino, quindi sfumare con il vino  e lasciare ridurre completamente. Coprire la carne con il brodo, mettere un coperchio e continuare la cottura per 15 minuti.

Per il condimento. Lavare, pelare e tagliare a cubetti gli ortaggi. In una casseruola bassa rosolare gli ortaggi nell’olio caldo senza farli colorire troppo,aggiungere i funghi tagliati in filetti, il timo sgranato e le patate tagliate in piccoli cubetti. Unire il condimento alla carne e continuare la cottura per altri 35 minuti, aggiustando di sale e pepe.

Appena cotta la carne spegnere la fiamma e lasciare riposare per 10 minuti

Finitura e presentazione.. Cuocere i rigatoni in acqua bollente salata,scolarli e condirli con l’agglassato lasciando insaporire bene a fiamma bassa.

Aggiungere il formaggio grattugiato e  Servire in piatti fondi con il prezzemolo tritato.

Curiosità.Piatto tipico della cucina siciliana.

Nella cucina siciliana “aggrassare” vuol dire cuocere in tegame la carne insieme a cipolla e aromi.

A Messina e, in genere, nella Sicilia orientale il piatto viene chiamato “Aggrassato”, o “carne aggrassata alla messinese.Agglassato nel palermitano.

In questo caso ho utilizzato una pietanza che di solito viene servita come secondo piatto per condire la pasta per un piatto unico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.