Lolli e ceci con finocchietto selvatico olio di oliva zaituna e pecorino

image_pdf

lolli-e-ceci-2

Lolli e ceci con finocchietto selvatico  olio di oliva zaituna e pecorino

Dosi per 10 porzioni

Per i lolli

250      g.         Farina di grano duro

250      g.         Farina tipo 0

200      ml.       Acqua

q.b.                  Sale e pepe

Per la zuppa di ceci

300      g.         Ceci secchi

30        g.         Sedano

30        g.         Carote

30        g.         Cipolle

1          g.         Timo fresco

2          g.         Aglio

40        ml.       Olio extravergine d’oliva zaituna

q.b.                  Sale e pepe

10        g.         Rosmarino

30        g.         Finocchietto selvatico

Per la finitura

50        ml.       Olio extravergine d’oliva zaituna

75        g.         Pecorino siciliano Dop

50        g.         Pomodori secchi

 Procedimento

Per la zuppa di ceci. Mettere i ceci a bagno in acqua con un cucchiaino di sale per 24 ore. Scolare, lavare e cuocere i ceci in una pentola con il doppio dell’acqua, sedano, carote, cipolle, finocchietto selvatico e timo senza salarli. A cottura ultimata togliere le verdure e metterle in un bicchiere insieme a una metà dei ceci, quindi frullare ad immersione. Passare al setaccio fine e aggiungere la crema all’altra metà di ceci, aggiustando di sale e pepe. In un pentolino versare un filo di olio, rosolare leggermente l’aglio e il rosmarino lasciando insaporire bene. Filtrare l’olio e aggiungerlo alla zuppa.

Per la pasta. Impastare farina, acqua, sale e pepe fino ad ottenere una massa soda e compatta. Pellicolare e mettere da parte a riposare per 30 minuti. Formare dalla pasta dei cavati lunghi 7 centimetri sistemandoli su un vassoio con spolverata di farina.

Finitura e presentazione. Cuocere la pasta nella zuppa di ceci con il pomodoro secco tritato aggiungendo, se serve, del brodo durante la cottura. Mantecare la zuppa con il pecorino e servire in piatti fondi caldi con sopra un filo di olio a crudo.

Curiosità. I lolli sono un tipo di pasta tirata a mano caratteristica dei comuni di Rosolini, Pachino e Porto Palo di Capo Passero.  A Modica, nel ragusano, viene proposta una versione condita con la zuppa di fave.

I Lolli hanno la forma di cavati allungati e si possono condire anche con ragù o sugo di maiale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.